Yoga e anziani

Doralice Lucchina – Insegnante Federazione Italiana Yoga

La pratica dello Yoga migliora l’equilibrio e la mobilità fisica negli anziani di 60 e più anni. La rivista Age and Aging, pubblicata dalla Oxford University Press per conto della Società Britannica di Geriatria, in un articolo che riassume diverse ricerche internazionali, mette in evidenza che gli anziani che praticano o hanno praticato lo Yoga per due volte alla settimana per un numero anche limitato di ore, circa 20, ottengono miglioramenti significativi per quanto riguarda l’equilibrio e in generale la capacità di muovere il corpo.
Dal punto di vista statistico, a partire dai 65 anni, un terzo degli anziani cade almeno una volta all’anno, peggiorandone la qualità di vita e l’indipendenza a causa di fratture e relative ospedalizzazioni. Queste ricerche hanno evidenziato che l’esercizio fisico, attraverso la pratica dello Yoga, può ridurre il rischio di cadute tra il 15 e il 32%.
L’attività basata sullo Yoga è caratterizzata da molti aspetti che vanno dalla pratica di posizioni in piedi, che hanno lo scopo di migliorare la forza, la flessibilità e l’equilibrio, fino alle diverse forme di rilassamento e meditazione. Lo Yoga, sottolinea l’articolo, sta crescendo in popolarità in tutte le classi di età e precedenti studi ne hanno dimostrato i benefici fisici come la riduzione dell’ipertensione, del dolore cronico della colonna e il miglioramento della qualità del sonno su una popolazione differenziata come età e su gruppi specifici di pazienti. Poco si sapeva degli effetti dello Yoga su persone anziane.
Nel 2012 uno studio sugli anziani ha evidenziato miglioramenti per quanto riguarda la forza, la forma fisica dal punto di vista aerobico e la salute dopo una pratica regolare e ne ha paragonato i benefici rispetto ad altri esercizi, giungendo alla conclusione che lo Yoga può essere superiore all’attività fisica convenzionale, ma ancora non se ne conoscevano gli effetti sull’equilibrio.
Uno studio sistematico ha cominciato ad esaminare anche questo aspetto. Si annoverano diverse ricerche arrivate alla stessa conclusione, che lo Yoga con posizioni in piedi, sedute e sdraiate, può avere effetti benefici sia sull’equilibrio che sulla mobilità.
Questa rassegna di studi che, secondo l’articolo, sarà oggetto di un ulteriore approfondimento, è da considerarsi una prima evidenza che l’equilibrio e la mobilità possono essere migliorati attraverso la pratica dello Yoga in persone di 60 e più anni. Lo Yoga fisico è una modalità potenziale per prevenire le cadute e i professionisti della salute, si sottolinea, possono con fiducia raccomandare lo Yoga agli anziani per migliorare il loro equilibrio e la loro mobilità.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com